martedì, 26 Gennaio 2010

Ciao Alberto

https://pdsd.it/607
alberto_sAlberto Landi creativo, voce sensibile e appassionata di San Donà.
Ricordiamo le cronache in diretta dei consigli comunali, dello sport locale, i suoi tentativi di stimolare culturalmente l’opinione pubblica.
Ci mancherà vederlo a bordo della sua bici per le vie della città, sempre attento a cogliere gli umori, le sensazioni della popolazione, ci mancheranno i suoi sorrisi e anche i suoi modi bruschi e sbrigativi, quando si avvicinava ai gazebo del PD che lasciava con una battuta.
Salutiamo Alberto l’amico che dietro l’apparenza dimostrava profonda coerenza con i suoi principi.

Related Images:


5 Commenti - Lascia un commento

  • Inviato da: Ladislao
    il alle ore:

    Ciao, credo che San Donà abbia davvero perso un punto di riferimento. San Donà ha perso parte della Sua anima “Sandonatese”,… Cmq per me Alberto era quello che si vede nella foto pubblicata oggi (27/01/2010) dalla “Nuova”, in bici,.. sorridente e con la Sua valigetta di pelle!!!

  • Inviato da: giulia pasini
    il alle ore:

    Un sentimento di smarrimento mi ha assalita quando, ieri sera, ho saputo…
    Sento il bisogno di stringermi a voi tutti in un commosso abbraccio giulia

  • Inviato da: RUBINI CARLO
    il alle ore:

    Anche da Venezia c’è chi piange la morte di Alberto e ne fa memoria. Una storia insieme con pause anche di svariati anni, sempre un pò a distanza perché le due città sono sorelle, ma anche lontane e diverse.

    Con lui Il dissenso cattolico, i Cristiani per il Socialismo e poi il Manifesto e il Pdup nei primissimi anni ottanta. E poi nei primi novanta la Sinistra dei Club e un passaggio nel PDS e in Alleanza Democratica. Poi di recente ritrovato nel PD, ma questa è un’altra stori, perchè sono anni diversi e non so dire se migliori o peggiori.
    Un testimone di un epoca,Alberto,forse troppo legato a quell’epoca.
    Ce ne vorrebbero però oggi.

    A voi che l’avete avuto come fratello e amato un abbraccio commosso,

    CARLO RUBINI

  • Inviato da: Renato
    il alle ore:

    Ho conosciuto Alberto in quanto suo fratello Andrea ed io eravamo compagni di scuola, ricordo che un anno fu il nostro supplente di matematica, un grande.Andavo spesso a casa loro. E poi lo vedevi in giro per San Donà con la sua bici…L’altro giorno quando ho saputo è stato un pugno allo stomaco e ancora adesso non riesco a crederci.
    Ciao Alberto, ci mancherai.

  • Inviato da: Milady
    il alle ore:

    Ti conoscevo come Mazzocca quando scrivevi nel forum di Vecchioni e, alcune volte, ho pure contestato quanto scrivevi; sono però rimasta molto male per il gesto che hai fatto perchè pensavo che la tua ricchezza culturale ed umana ed il tuo essere così schietto riempissero la tua vita. Mi sbagliavo, dovevi essere molto solo e, fose, ti sentivi incompreso…altrimenti perchè andartene così??

Lascia un commento


*obbligatorio
**obbligatoria, non verrà pubblicata