Tratto da:
lunedì, 29 Novembre 2010

La crisi del lavoro nel sandonatese

http://pdsd.it/867
La crisi economica nel nostro territorio continua a persistere e ha lasciato e sta lasciando profonde ferite nel sistema produttivo e occupazionale – TMS, MCM, PEG Perego, LORENZON. La situazione continua ad essere incerta e il numero di aziende in difficoltà è in aumento (2010 aumento del 50% dei licenziamenti). C’è un continuo ricorso alla cassa integrazione in deroga e negli ultimi due anni il nostro territorio ha visto il raddoppio della disoccupazione.
Tutto ciò comporta un’elevata insicurezza sociale e le incognite di mercato e di finanza sono ancora molte per pensare ad una reale ripresa, anzi tutto fa pensare che la crisi non sia passata, ma stia avanzando silenziosamente e colpendo insistentemente il nostro sistema fatto da PMI.
“Il PD propone” afferma l’Onorevole Rodolfo Viola- “una maggiore concertazione tra istituzioni, parti sociali (associazioni di categoria, sindacati) e sistema finanziario – Banche, Cofidi -, soprattutto a livello locale. Avevo mandato una lettera al Presidente della Conferenza dei Sindaci perché tale organismo avviasse subito una concertazione nel territorio.” “Diventa fondamentale” afferma il Consigliere Regionale PD Andrea Causin- “fornire alle imprese strumenti utili per lo sviluppo, la modernizzazione e la competitività delle aziende”. Per alcune imprese si è fatto ricorso ad accordi con le banche, ma questo non basta. E’ chiaro che i sindaci devono unirsi, avviare un chiaro Patto Sociale, un tavolo di Sviluppo Economico con i diversi portatori di interesse richiedendo soluzioni a carattere straordinario rispetto alle attuali e normali iniziative.

Tags: ,


Lascia un commento


*obbligatorio
**obbligatoria, non verrà pubblicata