mercoledì, 18 Gennaio 2017

La nostra Ulss rimane penalizzata

https://pdsd.it/2039

È condivisibile l’invito di Forcolin di tranquillizzare la popolazione, perché è proprio vero che in tema di sanità non è per niente tranquilla! Vada, il vice governatore, a tranquillizzare i cittadini in coda al CUP e al Pronto Soccorso dove la situazione è ormai al limite o rispetto al servizio di domiciliarità le cui prestazioni sono sempre più scarse.

E la smetta di arrampicarsi sugli specchi: colto in flagranza ora dice che il riparto è provvisorio. Bene: vigileremo non solo sul fatto di riportare la quota com’era ma anche sul suo aumento, vista la penalizzazione rispetto agli investimenti a cui la nostra Ulss è da sempre sottoposta. Nel frattempo, un’altra batosta dal TAR del Veneto sulla questione dei pasti. In ultima, caro assessore, ricordi che non si dice Asl ma Azienda Ulss, dove la doppia S sta ad indicare che l’indirizzo è sociale oltre che sanitario e questa è una caratteristica preziosa che solo il Veneto ha in Italia… non certo per merito vostro!

Related Images:


Lascia un commento


*obbligatorio
**obbligatoria, non verrà pubblicata