lunedì, 6 Dicembre 2021

Sandra Sandre confermata segretaria del PD San Donà

https://pdsd.it/2962

Sarà Sandra Sandre a guidare il PD Sandonatese fino alle prossime elezioni comunali.
Si è svolto ieri (domenica) il congresso del circolo locale del Partito Democratico, che ha rinnovato l’incarico a Sandre, responsabile di reparto all’Ipercoop di San Donà, per i prossimi anni, con una votazione unanime.
Gli iscritti, riuniti nella sala conferenze dell’Hotel Forte 48, hanno quindi confermato il lavoro svolto dalla segretaria, in carica dal 2017, che ha portato alla rielezione di Andrea Cereser a sindaco della città e di Francesca Zottis in Consiglio regionale. “La nuova segreteria sarà ancora nel segno della vicinanza all’amministrazione” dichiara Sandre “perché dopo questi anni di lavoro sul bilancio e sulla progettazione di una città sostenibile, inclusiva e innovativa, dobbiamo sapere promuovere quanto di buono fatto per cercare di riconfermare il centrosinistra alla guida della Città”.
Il nuovo direttivo di Circolo sarà composto da Gianfranco Botter, Domenico Contarin, Marisa Dariol, Alessandro Giacalone, Franca Lazzarato, Michele Marangon, Lorena Michelin, Alberto Mengo, Maria Murer Grazia, Zeudi Polarti, Fiorenzo Veronese e Francesca Zottis.

Ci sono stati invece motivi di confronto per quel che riguarda i congressi metropolitano e regionale. Matteo Bellomo, candidato unico alla segreteria metropolitana, ha presentato la sua candidatura non nascondendo alcuni problemi che il PD sta vivendo sia in provincia che in regione, che erano stati evidenziati nella relazione della segretaria Sandre. Bellomo ha comunque raccolto un forte sostegno dagli iscritti di San Donà, pari all’86% dei voti (il resto schede bianche). Discorso diverso per la candidatura unica di Andrea Martella al livello regionale, che paga l’esclusione di Laura Puppato da parte della Commissione di garanzia regionale e porta a casa solo il 57% dei voti. “Le firme che abbiamo raccolto” precisa David Vian, referente per la mozione Puppato nel sandonatese “erano in regola. Delle 8 escluse (sulle circa 700 presentate) solo una era di un non iscritto, le altre non sono state ritenute valide perché le federazioni di Venezia e Padova non le hanno registrate correttamente nei tempi previsti, portando all’esclusione di Laura Puppato dal congresso.”

Related Images:

Tags:


Lascia un commento


*obbligatorio
**obbligatoria, non verrà pubblicata